Droni inoffensivi – E se non servisse alleggerirli?

DRONI INOFFENSIVI POTREBBE NON SERVIRE ALLEGGERIRE.

IMPRECISIONE NEL REGOLAMENTO ENAC. UNA PROVOCAZIONE CON UN FONDAMENTO.


Un imprecisione del regolamento potrebbe creare una vera e propria
rivoluzione nel mondo dei droni inoffensivi anche detti trecentini. Si avete capito bene e tra poco vediamo di cosa si tratta.

Alleggerimento sparo serve davvero?

 I droni inoffensivi stanno dilagando. La possibilità di volare in operazioni considerate sempre non critiche è il sogno di ogni pilota. Nessuna necessità di patentino e Il regolamento Enac parla della possibilità di volare sopra persone a patto di evitare nel modo più assoluto gli assembramenti.

Per ottenere tutto questo è necessario possedere un drone sotto i 300g con paraeliche e correttamente dichiarato ad Enac, assicurare il mezzo verso terzi e dotarlo di targhetta di riconoscimento. Per ottenere questo spesso nel 99% dei casi è necessario alleggerire delle soluzioni commerciali. Il drone in assoluto più alleggerito tra i “trecentini” è il DJI Spark che pesa con i paraeliche circa 338 grammi al fine di farlo rientrare nel peso previsto, seguito a stretto giro dal Parrot Bebop. I kit di alleggerimento sono stati studiati al fine di ridurre il peso al decollo di questi oggetti per renderli rispondenti all’ art. 12 comma 5 del Regolamento Mezzi a Pilotaggio Remoto.

Ci siamo accorti tuttavia di un cavillo nel regolamento che eviterebbe l’alleggerimento.

Ora ti starai chiedendo come è possibile? Ora te lo spieghiamo. Premettiamo però che questa è sicuramente una svista maldestra che presto verra con ogni probabilità corretta in una revisione del regolamento inoltre è chiaro che il nostro articolo è una provocazione!

Non vogliamo spingere nessuno a smettere di alleggerire i mezzi dal momento che a nostro giudizio è un operazione fondamentale. Ci teniamo però a segnalare questa imprecisione del Regolamento Mezzi a Pilotaggio Remoto.

Ma andiamo al dunque. Per capire quello di cui stiamo parlando leggiamo l’estratto del regolamento che ci interessa ovvero Art.12


5. Le operazioni specializzate condotte con APR di massa al decollo minore o uguale a 0,3 kg con parti rotanti protette da impatto accidentale e con velocità massima minore o uguale a 60 km/h, fermo restando quanto previsto al comma 2 del presente articolo, sono considerate non critiche in tutti gli scenari operativi. Il pilota, al quale non è richiesto il possesso di un Attestato secondo quanto previsto al successivo art. 21, deve comunque garantire che le operazioni siano svolte in osservanza delle regole di circolazione definite nella Sezione V.

Concentriamoci sui termini “minore o uguale a 0,3 kg” potra sembrarvi banale ma nessuno ha nominato i famosi 300 grammi di cui tanto si è parlato. Il regolamento parla di 0,3 kg!!

Pensate che sia uguale? Noi crediamo di no. Il fatto che ci sia scritto 0,3 kg al posto che 0,300 kg è un informazione FONDAMENTALE. Visto che stiamo parlando di pochi grammi eliminare i due zeri conclusivi permette l’incertezza del dubbio.

Siamo impazziti??! No! Ragioniamo insieme:

Un Dji Spark pesa 338 grammi con i paraeliche!  Il che significa che dal punto di vista legislativo fermarsi alla prima cifra decimale implica l’incertezza delle altre cifre e che la precisione del valore è fissata a quella cifra.  Ora torniamo a considerare il peso del nostro Spark: 338 grammi potrebbero essere  scritti come 0,3kg utilizzando le convenzioni delle approssimazioni che ci dicono che per effettuare il cosiddetto “troncamento” di una cifra qualora il valore successivo sia un numero compreso tra 1 e 4 l’approssimazione avverrà per difetto mentre un numero compreso tra 5 e 9 sarà necessario approssimare per eccesso.

Facciamo degli esempi:

0,340 g —> 0,3 kg

0,350 g —>0,4 kg

È ovvio che quella in questione è una provocazione ma chi potrebbe smentirla? In caso di contestazione reputiamo che un buon avvocato potrebbe senza troppe difficolta avvalorare questa causa.

AGGIORNAMENTO:

Un lettore ci ha fatto presente un documento ENAC. 136156/CRT del 29/12/2015 che cita le caratteristiche dei droni parlando di 300g.

https://www.enac.gov.it/repository/ContentManagement/information/N353070060/136156_CRT%2dChiarimenti.pdf

Il documento chiarificatrice del 2015 non permette alcuna interpretazione. Possibile che l’emendamento 4 appena rilasciato ne tantomeno i precedenti siano rimasti tali e usali  nonostante come qualcun altro ci ha segnalato si dibatte sui forum da diversi anni su questo tema? Noi per primi siappiamo che quella che vi proponiamo e una forzatura, ma proprio per questo reputiamo che costerebbe davvero poco correggere una parte anche solo apparentemente interpretabile del regolamento e fare cessare una volta per tutte questo dibattito.

Che dite dall’Enac aggiungiamo questi zeri sul regolamento  oppure no?

Droni Torino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.